Via Mazzini 44 - interno cortile - 10123 Torino
Tel. 011 45 46 562 - e-mail: scambia_idee@yahoo.it

 

La nostra storia

Scambiaidee per le donne  nasce nel giugno del 2000 con l’intento di offrire gratuitamente  alle  donne che ne sono le fruitrici,  un'offerta di iniziative finalizzate alla conoscenza e valorizzazione di Sé, dei propri saperi, sogni e passioni.
Al centro dell’attenzione e delle azioni di Scambiaidee è il"cambiamento", sia quello progettato  sia quello non programmato nella consapevolezza che, in entrambi i casi, gli individui si trovano a confrontarsi con un sentimento di smarrimento e di disagio. Nascono gruppi di mutuo-auto aiuto ed un gruppo terapeutico.
Scambiaidee è volutamente nato come un contenitore vuoto, da riempirsi di volta in volta degli  interessi e delle passioni di chi volesse utilizzarlo.
Nel 2000 l’Associazione partecipa alla stesura del protocollo di intesa con il Comune di Torino per l’ istituzione del CCCVD coordinamento cittadino contro la violenza alle donne).
Nel 2010 altresì l’associazione è in prima linea insieme ad altre associazione della Città di Torino per la revisione del CCCVD e l’inserimento  nello stesso della Provincia di Torino

Nel 2002/2003 realizza un progetto  di sensibilizzazione alla “Lettura critica delle immagini pubblicitarie”. I percorsi di sensibilizzazione erano previsti nel progetto: “Conoscere la parità :dati e immagini” presentati in rete da Scambiaidee, Orfeo  e Kombinazione, inseriti per l’anno 2002/2003 nel programma operativo regionale finanziato dal  Fondo Sociale Europeo 2000-2006, misura E1,linea 4.2.1 ob.3.
Sempre nel 2003 presso l’Istituto per non udenti MAGAROTTO realizza un intervento diretto al contrasto della violenza, inserito nell’attività progettuale del CCCVD per le scuole: “ora che so scelgo la non violenza”, nel 2005 l’intervento viene ripetuto nella scuola Don Milani.
Nel 2003 l’associazione si arricchisce di nuove competenze e vive un percorso trasformativo e definisce i suoi obiettivi primari:

A)   sensibilizzazione contro la violenza domestica,
B)   contrasto degli stereotipi femminili
C)   promozione della rappresentanza femminile in politica.

Per sviluppare le capacità presenti nelle donne e per affermare una cultura di pari opportunità, Scambiaidee nel 2004-05 si è impegnata nella realizzazione di un progetto dal titolo  “ L’insostenibile leggerezza della comunicazione “  in collaborazione con la Città di Torino e l’Art Directors Club Italiano  in un’ottica di rimozione degli stereotipi di genere e superamento delle discriminazioni.
Sempre nel 2005 ha attuato il progetto “Aiutiamo le donne del Tamil Nadu” progetto per la promozione dell’autonomia economica femminile in collaborazione con l’associazione ASSEFA consegnando più di 800 euro e tenendo uno stretto contatto con l’ASSEFA per la realizzazione del medesimo. L’associazione ha inoltre attivamente collaborato con il CCVC sia in occasione della giornata del 6 marzo 2005 sia quella del 2006 piuttosto che il marzo 2007 e partecipa attivamente ai gruppi di lavoro del CCCVD .
Nel corso del 2006 ha attuato; i seguenti progetti e interventi:

  1. nel mese di marzo ha collaborato al progetto Urban, presentando una rassegna cinematografica dal titolo “Orizzonti al femminile ed una Tavola Rotonda intitolata: "Riflessioni sul danno esistenziale, conseguente alla violenza sulle donne”

  2. “Rappresentanza politica al femminile” Serie di incontri volti a sviluppare il legame tra elettrici ed elette.

  3. “Pittura su tessuto” Corso di decorazione e stampa a mano su stoffa con il contributo della Fondazione CRT

  4. “Bilanci di Competenze” Percorso individuale per valutare le proprie risorse e ri-progettarsi.

  5. Realizzazione della Guida di enti, associazioni, servizi del Coordinamento Cittadino Contro la violenza alle Donne (CCCVD) opuscolo informativo a disposizione della cittadinanza e delle istituzioni.

  6. Viene presentato alla Provincia di Torino il   progetto “Centro di ascolto per il mobbing lavorativo e le molestie sessuali per il territorio della Provincia di Torino” esso viene accolto ed è  co-finanziato dalla  Provincia di Torino a partire dal 2007. Vengono  aperti  4 sportelli nelle città di Torino, Pino Torinese, Chieri e Rivalta.

Torna

Questi sportelli sono aperti anche oggi nel 2012 ( non tutti gli sportelli sono finanziati ma il team ha scelto di proseguire il lavoro data la rilevanza valoriale del sostegno alle donne vittime di violenze).  Hanno accolto 300 donne vittime di violenze sul lavoro e di violenze in famiglia  di tipo fisico e psicologico a cui è stato offerto ascolto, accompagnamento , sostegno e percorsi terapeutici per elaborare le sofferenze e proiettarsi in un futuro libero da violenze.

Nel corso del 2006 ha attuato  i seguenti  progetti e interventi: 
Il 3 marzo 2007 vi è stato l’ Happening :”Il corpo che diventa parola” il ruolo dell’arte nelle pari opportunità riflessioni e interventi, dibattito, letture a partire da frammenti di una mostra di Rivkah Hetherington con la partecipazione dell’Assessore alle Pari Opportunità  Marta Levi.
Il 15 marzo 2007: intervento presso il dipartimento di scienze politiche dell’Università di Torino sul tema “cosa farò da grande” presentazione con esercitazione pratica del laboratorio di “bilancio di competenze “partendo dall’esperienza di tre giovani donne affermate nel mondo del lavoro e  con la partecipazione dei conduttori del job placement dell’Università di Torino.

A cavallo tra 2007  e 2008 sono stati realizzati i seguenti progetti:

  1. “Tagliamo i fili degli stereotipi: come comunicare la parità in modo efficace” convegno, mostra e attività di sensibilizzazione rivolta alle/agli studentesse/i dei licei artistici e degli istituti grafici al fine di realizzare una campagna affissione a favore dei principi delle pari opportunità e contro la disuguaglianza sociale, realizzato con il contributo del Comune di Torino;

  2. Educare alla cittadinanza realizzato in una scuola superiore della Circoscrizione 7 e realizzato grazie al contributo di quest’ultima;

  3. “Ora mi metto in gioco” rivolto a giovani disoccupati e in cerca di prima occupazione realizzato con il contributo della circoscrizione 1;

  4. “Lettura critica delle immagini pubblicitarie” presso il Primo Liceo Artistico su incarico della Circoscrizione 7

  5. “Donne all’opera” rassegna di incontri e attività volti a promuovere il principio della parità in sette paesi del canadese: Caluso, Candia, Mazzè, Montalenghe, San Giusto, Villaneggia, Vische, realizzato con il contributo della Provincia di Torino e dei paesi coinvolti.

  6. Gestione dei centri d’ascolto rivolti a vittime di violenza e mobbing nell’ambito del Progetto dei Centri  di Ascolto co-finanziati dalla Provincia di Torino  presso i Comuni di Torino,  Nichelino, Pino Torinese, Chieri, Rivalta.

Torna

Nel 2009 vengono realizzate le seguenti iniziative:

  1. Prima campagna sociale nazionale dedicata alla condivisione dei lavori di cura: La Parità moltiplica le opportunità. Per tutti, che, sostenuta dal Comune di Torino, ottiene il patrocinio di Pubblicità e Progresso e viene diffusa su tutte le reti TV;

  2. Progetto FATTIPIU’INQUA, emanazione del precedente Donne all’opera, consiste nella realizzazione di percorsi, rivolti agli studenti,  mirati al riconoscimento e al contrasto del fenomeno delle discriminazioni, dei diritti, della conciliazione, realizzato nel Canavese  con il contributo  della Provincia di Torino e dei comuni coinvolti .

  3. Progetto Condividiamo con i papà promosso dalla Consigliera di Parità. della regione  Piemonte.
    L’intervento dell’associazione Scambiaidee ha riguardato la formazione delle ostetriche che  conducono i corsi di preparazione al parto.

  4. Gestione dei centri d’ascolto rivolti a vittime di violenza e mobbing nell’ambito del Progetto dei Centri  di Ascolto co-finanziati dalla Provincia di Torino  presso i Comuni di Torino,  Nichelino, Pino Torinese, Chieri, Rivalta.

  5. Formazione alle operatrici del consorzio CISAP sulla Violenza domestica su Donne native e migranti

Nel 2010 vengono realizzate le seguenti iniziative:

  1. In occasione dell’8 marzo rilancio della campagna sociale nazionale dedicata alla condivisione dei lavori di cura: La Parità moltiplica le opportunità. Per tutti. Attraverso una diffusa e sistematica campagna affissione nel territorio cittadino  con contemporanea diffusione dei corsi di avviamento all’economia domestica per uomini.. A partire da questo momento si svolge un’azione massiccia di formazione dei diritti relativi al tema della conciliazione in famiglia per il raggiungimento delle pari opportunità tra uomini e donne che si concretizzerà in importanti progetti in collaborazione con la Regione Piemonte dal titolo” condividiamo con i papà”

  2. Nell’ambito del progetto Condividiamo con i papà , realizzazione di interventi sui congedi parentali rivolti ai futuri genitori

  3. Nel mese di marzo coordinamento e capofila del ciclo di eventi  MARZO IN OTTO ,otto incontri con la creatività femminile in circoscrizione otto, proposto da un gruppo di associazioni femminili sul territorio del quartiere San Salvario a Torino

  4. Realizzazione di un incontro pre-elettorale rivolto alle donne candidate alle Elezioni Regionali al fine di promuovere la rappresentanza politica femminile

  5. Partecipazione al convegno DOMINA dedicato agli stereotipi di genere e alle ripercussioni sul quotidiano promosso dall’associazione culturale Opis presso il Comune di Rivalta il 24 aprile 2010

  6. Partecipazione come operatrici del 1522 insieme ad altre associazioni del CCCVD presso il Centro per le relazioni e le famiglie (incarico 2010-2011)

Il 1522 è il numero verde a cui afferiscono le donne che vogliono denunciare violenze e stalking.

Nel 2011 sono in corso le seguenti iniziative:

  1. Nascita del Collettivo Civico delle Donne per promuovere la candidatura alle elezioni comunali di Torino di donne eccellenti e portatrici di una cultura di genere. Il Collettivo Civico ha partecipato attivamente alle elezioni comunali del 2011 promuovendo una folto numero di donne e continua il suo lavoro insieme alle donne elette in Consiglio Comunale ed in giunta, sviluppando argomenti tematici.

  2. Proseguimento degli incarichi per la gestione dei Centri di Ascolto di Chieri, Pino Torinese e Rivalta apertura di uno SPAZIO DONNA nella sede di Torino con il contributo della Circoscrizione 1 in cui in aggiunta all’ascolto si tengono due gruppi:
    - kili di troppo rivolti al fronteggiamento psicologico del sovrappeso
    - gruppo che esplora il desiderio di maternità.

  3. L’associazione svolge inoltre una serie di attività aperte alle donne nell’ambito del “cantiere” che costituisce il fulcro della vita associativa in cui si sviluppano, in un clima di ascolto e di non giudizio, temi proposti via dalle frequentatrici di Scambiaidee :

Torna

Nel 2012 sono in corso le seguenti iniziative :

  1. proseguimento delle attività del Collettivo Civico

  2. proseguimento dei Centri d’Ascolto

  3. realizzazione del Progetto L2 – “Le mamme vanno a scuola “ Obiettivo: favorire l’integrazione delle donne straniere offrendo loro la possibilità di apprendere la lingua italiana e il funzionamento del sistema scolastico italiano.

  4. Presentazione progetto con la Circoscrizione 8 dal titolo  Educazione ambientale vista dalle donne: Cosa succede in cucina?”. Obiettivo: aiutare le donne a coniugare il processo ecologico con la crisi economica partendo dal lavoro delle donne in cucina.

  5. Attivazione di un percorso per aumentare l’autostima dal titolo “Il divano delle confidenze

  6. Proseguimento dei percorsi di formazione e di conciliazione dal titolo “Condividiamo con i papà”.

Torna

Nel 2013 sono in corso le seguenti iniziative:

  1. Proseguimento delle attività del Collettivo Civico

  2. Proseguimento  dei Centri d’Ascolto

  3. Realizzazione progetto con la Circoscrizione 8 dal titolo "Educazione ambientale vista dalle donne: Cosa succede in cucina?”. Obiettivo: aiutare le donne a coniugare il processo ecologico con la crisi economica partendo dal lavoro delle donne in cucina.

  4. Proseguimento del  percorso per aumentare l’autostima dal titolo “Il divano delle confidenze”

  5. Avvio del Progetto ASIIR che vede la partecipazione dell’associazione per quanto concerne il supporto  psicologico alle donne vittime di violenza

  6. Realizzazione del progetto “Fermiamo la violenza” con il contributo della Circoscrizione 1 mediante attivazione di laboratori, colloqui individuali e di un convegno cittadino in collaborazione con Demetra presso La città della scienza e della salute di Torino sul tema della ricaduta della violenza sulla salute fisica delle donne.

Torna

Nel 2014 sono in corso le seguenti iniziative:

  1. Proseguimento delle attività del Collettivo Civico

  2. Proseguimento  dei Centri d’Ascolto con apertura a marzo 2014 di due nuovi sportelli a Chieri e Orbassano

  3. Apertura dello sportello informativo ed orientativo rivolto alle donne vittime di violenza “Non sei sola” presso la biblioteca “Ginzburg “ di via Lombroso 16

  4. Proseguimento del  percorso per aumentare l’autostima dal titolo “il divano delle confidenze”

  5. Proseguimento  del Progetto ASIIR che vede la partecipazione dell’associazione per quanto concerne il supporto  psicologico alle donne vittime di violenza

  6. Realizzazione del progetto  “AIUTIAMO LE DONNE ed i Bambini a ricostruirsi la vita “ con il contributo della Circoscrizione 1 mediante attivazione di laboratori tra cui biodanza e colloqui individuali.

Torna